C.F.S.? (Cosa facciamo stasera): Colori del cinema: "Le meraviglie meridiane"

Colori del cinema: "Le meraviglie meridiane"



Lerka Minerka
Associazione di escursionismo naturalistico

San Giorgio del Sannio (BN)

Venerdì, 13 giugno 2008 - ore 20.30
presso la Libreria Masone di Benevento
(la serata, condizioni meteo permettendo, si svolgerà all'aperto)

Le meraviglie meridiane

Introduce Roberto Pellino - Lerka Minerka

Proiezione fotografica di paesaggi dell'appennino sannita
Repertorio a cura dei fotografi di Lerka Minerka

Presentazione del libro

IL MARE DEL MITO - Viaggio tra i paesaggi del Tirreno in sud Italia
di Carlos Solito - Massa Editore - Napoli 2008

Interviene l'autore

Seguono


Momento musicale con tammurriate e pizziche

Grigliata del Territorio


informazioni 347.8896433

"Colori del Cinema" è un'iniziativa a cura della Rete Arcobaleno Benevento - 329.2323910


IL MARE DEL MITO di Carlos Solito - Massa Editore
Un caleidoscopio di paesaggi eccessivi per bellezza. Per natura. Dune di sabbia indorata, distese di ciottoli, lagune placide. Silenti. Frange di cale color smeraldo. Appicchi in fuga da colline, montagne e panettoni rocciosi saltano nel blu con vertiginose falesie sorvegliate da falchi. Variegate qua e là da odorosa macchia e pini in equilibrio sul vuoto. Ancora: la somma rerum del vulcanesimo con gli umori sulfurei che si mischiano ai profumi degli agrumi e degli ulivi, nodosi e ruvidi, antichi di secoli come fossili. E tra le pieghe dei dirupi gli occhi bui di grotte e caverne da favola. Dentro le quali fioriscono stalattiti e stalagmiti illuminate da azzurri riflessi. Rubati al cielo e regalati al ventre di madre Terra.
E in questo miscuglio di natura ci sta, come in tutte le ricette che si rispettino, l'ingrediente segreto. Quello che fa la differenza. Che rende speciale. Il mare nostrum ha un vanto: palpita di ricordi. «C'è più storia in una piccola onda del Mediterraneo che nelle acque di tutti gli oceani» è stato detto.
Ancora una volta Carlos Solito si avventura nel nostro Mezzogiorno proponendoci luoghi di Mediterraneo primevo. Spaventosi di bellezza che tanto, e in ogni epoca, fecero innamorare cantori, poeti e scrittori. Cattedrali di acque di fronte alle quali lo sguardo si riempie e le parole non sempre riescono a spiegare.

CARLOS SOLITO, 30 anni, nasce in Puglia, a Grottaglie in provincia di Taranto. Spinto dalla passione per il viaggio, la fotografia e la scrittura, realizza reportage e servizi fotogiornalistici in tutto il mondo prediligendo le tematiche antropiche e paesaggistiche. Innamorato dei mondi sotterranei e della montagna pratica speleologia e sport outdoor: ha documentato abissi, fiumi sotterranei, voragini, ghiacciai, vulcani, deserti, cascate, canyon. Dall'Islanda al Mediterraneo, dall'Oceano Atlantico al Centro America numerosi sono i reportage di mare, natura, avventura,
viaggi, turismo e aspetti antropici. Preferendo la libertà del freelance, numerose sono le riviste italiane ed estere di turismo, viaggi, ambiente, natura, avventura e cultura che mensilmente pubblicano i suoi scritti e le sue fotografie.

I suoi lavori sono stati pubblicati da PleinAir, Fare Vela, Mediterraneo, Dove, Tutto Turismo, In Viaggio, Vie del Gusto, A Tavola, Spazio Viaggi, Partiamo, Voyage, Rivista della Montagna, Monte Bianco, Natural Style, For Man Magazine, Ville e Casali, Adesso e altre. Collabora inoltre alla realizzazione di guide turistiche con diversi e autorevoli editori come De Agostini, Domus, Giunti, Rizzoli Rcs, Terre di Mezzo, Touring Club Italiano. Ha pubblicato (con testi e foto) diversi volumi, alcuni dei quali tradotti anche all'estero. Tra gli ultimi: Campania, di luce e di mare (Massa, 2008), Campania, I giganti di pietra (Massa, 2008), Olio e Mediterraneo (Atlante, 2006 – Premio Olio, elisir di lunga vita 2007), Cielo (White Star, 2006), Gargano, con Lino Patrono, (Adda, 2006), Salento, il mare la terra l'arte (Besa, 2005 – Premio Alfredo Cattabiani 2006). Negli ultimi anni è stato insignito con premi e menzioni nell'ambito del giornalismo e della scrittura.


Di tanto in tanto realizza mostre fotografiche itineranti e, nonostante il suo andirivieni e l'affezione ai fusi orari "la cosa che più mi affascina – dice – è il Mediterraneo col suo caleidoscopio di paesaggi, identità e tradizioni".



Quando non viaggia vive tra il Salento in Puglia e l'Irpinia in Campania.

http://www.carlossolito.com/