C.F.S.? (Cosa facciamo stasera): 2009

Comune e provincia: concerti a Benevento

Capodanno 2010 
tre concerti in centro per festeggiare il nuovo anno


23.50 in piazzetta Vari 
cover di Vasco Rossi.
concerto della band Anymore, 
 Brindisi con l'amministrazione comunale di Benevento.


00.15 in piazza Federico Torre, 
nei pressi della chiesa di San Bartolomeo, 
concerto di Alex Band
concerto di musica leggera e revival anni '70, '80 e '90.


1,45 Corso Garibaldi
di fronte la sede della Prefettura
concerto di Gianluca Capozzi
sarà seguito da un intrattenimento musicale curato da dj Nicky.

Rete Arcobaleno: 2a Festa degli auguri ARCOBALENO


mercoledì 30 dcembre 2009 ore 21
Libreria Masone
2a Festa degli auguri ARCOBALENO

Archiattack: Presentazione del calendario


ingresso libero
a tutti i partecipanti un calendario in regalo


Le differenze non separano ma generano energie. Percorrerle vuol dire tracciare nuove direttrici connettive e cognitive, portare nuovi mondi oltre le strade già percorse o percorribili. Abbiamo scelto il punto di vista della differenza: “Find the gap” è il principio dell’inclusione di valori differenziali, è la ricerca di ognuno dentro se stesso e dentro, oltre lo spazio circostante. È l’intersezione e la coesistenza delle diversità espressive. È un laboratorio in fieri; è esplorazione, meraviglia, incontro. È un circuito aperto dell'infinita diversità, incrocio di eterogeneità che produce creatività.


Saremo capaci di includere e moltiplicare la differenza?


hanno realizzato il calendario:
Lalì
Alessia Cocca
accaeffe
Isabella Pedicini
Biodpi
[almost*rise]
Enrico Falbo
Alexander Sephiròt
Grace
Lorenzo Palmieri
[archiattack]
Dekaro


alle ore 22.00
concerto di presentazione
del disco Vortex
di Gianluca Grasso


in collaborazione con
Vigne Sannite

Benevento: Vittorio Sgarbi - “L’Italia delle meraviglie”

16.30 a Benevento.
Presso Edicolè  Mondatori, 
nella Galleria Malies di Via Gaetano Rummo, 
l’autore presenterà il suo ultimo libro “L’Italia delle meraviglie” 






 Presso Edicolè Mondadori all’interno della Galleria Malies di Via Gaetano Rummo si discuterà di arte, scultura e pittura. Ospite d’eccezione sarà il critico d’arte più famoso d’Italia Vittorio Sgarbi che interverrà per presentare il suo ultimo libro “L’Italia delle meraviglie”, ed. Bompiani.
Da Nord a Sud, un percorso ideale tra bellezze che tutto il mondo ci invidia e capolavori sconosciuti: dal Nordest che guarda a Oriente (Venezia, Trieste, Padova) alla Lombardia, dalle infinite città e cittadine dell’Emilia e della Romagna, passando per i borghi e le città delle Marche e dell’Italia centrale, Roma e l’Abruzzo, fino alle città luminose dei Regni del Sud (Napoli, Bari, Brindisi), la Calabria e la Sicilia e la Sardegna. “Una cartografia dei luoghi - ma anche degli artisti e dei poeti - che nell’indicarne alcuni non dimenticherà di citarne altri e nel tralasciarne altri ancora sorprenderà i lettori che inseguiranno senza sosta questa guida d’eccezione”. 


UFFICIO STAMPA
Corriere del Sannio
Tel/Fax 0824-360808

Natale Arcobaleno: La musica dei popoli tra colto e popolaresco

Basilica S. Bartolomeo

Concerto per strumenti popolari, orchestra e voci con PietrArsa&Mimmo Maglionico e i Solisti di Napoli diretti da Susanna Pescetti
Concerto per strumenti popolari, orchestra e voci con PietrArsa&Mimmo Maglionico e i Solisti di Napoli diretti da Susanna Pescetti,



Direttore Susanna Pescetti
Orchestra I Solisti di Napoli
Fiati, voce Mimmo Maglionico
Voce, Tammorra, Chitarra Battente Carmine D'Aniello
Voce e castagnette Sara Tramma
Chitarra portoghese, Mandolino, ukulele Gino Evangelista
Percussioni Emidio Ausiello


Mimmo Maglionico & Pietrarsa
Mimmo Maglionico è stato con il Teatro Stabile di Roma, al Festival di Spoleto e a New York, Toronto, Huston, Leningrado, Mosca, Barcellona e Madrid con gli spettacoli: "Don Chisciotte" - musiche di Eugenio Bennato "Pulcinella"- musiche originali del '600 e "Vita di Galileo - musiche di Hans Eisler . Ha partecipato al film "Don Chisciotte" (regia di Maurizio Scaparro) ed in tournée a Parigi, Strasburgo, Los Angeles, San Francisco. Ha collaborato con Peppe Barra, Eugenio Bennato, Alfio Antico, Angel Parra, Massimo Ranieri. Ha partecipa a varie trasmissioni RAI ed in diretta dalla Carnegie Hall di New York, al programma "Napoli in the World".

Biblioteca provinciale: Nostalgia di bellezza. Immagini mariane a Benevento – di Maurizio Cimino

Punto di partenza è la romanica porta di bronzo della Cattedrale, passando per l’età orsiniana, fino alle novecentesche vetrate di Giuseppe Antonello Leone, nel sacello della stessa Cattedrale.Il libro è corredato da più di trenta riproduzioni delle icone, fotografate da Luigi Mastromarino, archeologo e fotografo d’arte.



Le immagini, specialmente i particolari – di una bellezza sorprendente – saranno oggetto di mostra fotografica presso la Biblioteca Provinciale di Benevento, dal 19 dicembre al 6 gennaio

2010.-


Programma dell’evento
presentazione del libro ed inaugurazione della mostra fotografica Benevento, Biblioteca Provinciale – 19 dicembre 2009, ore 17.30

Intervengono:
Maurizio Cimino autore; Luigi Mastromarino fotografo; Agnese Salerno direttore editoriale – Natan Edizioni; mons. Andrea Mugione arcivescovo di Benevento; Mario Iadanza vicario per la Cultura e i Beni culturali – Arcidiocesi di Benevento.
Carlo Falato assessore alla Cultura – Provincia di Benevento; Giovanni La Motta amministratore – EPT Benevento; Francesco Fornaro direttore generale – Banca della Campania.


La mostra fotografica sarà aperta fino al 6 gennaio 2010

Mercoled' Arci :Parnassus


Un film di Terry Gilliam. Con Heath Ledger, Johnny Depp, Colin Farrell, Jude Law, Christopher Plummer. continua» Titolo originale The Imaginarium of Doctor Parnassus. Fantastico, Ratings: Kids+13, durata 122 min. - Francia, Canada 2009. - Moviemax
Il Dottor Parnassus gira per le strade con il suo carrozzone dalle qualità particolari. In compagnia di un giovane, una fanciulla (sua figlia Valentina) e un nano mette in scena ovunque uno spettacolo che ha al suo centro uno specchio. Chi lo oltrepassa si trova in un mondo in cui puo' realizzare i suoi desideri piu' fantasiosi. Parnassus e' immortale ma ha conquistato questa dote grazie a una scommessa vinta con il Diavolo che ha assunto le sembianze del perfido Mr. Nick. Sono trascorsi i secoli e, nel momento in cui ha trovato il vero amore, il Dottore ha stipulato un nuovo patto con Mr. Nick il quale vuole che Valentina sia sua al compimento del sedicesimo anno di età. La data è ormai prossima.
Terry Gilliam è indubbiamente uno di quei pochi registi che fanno del cinema la vera arte dell'immaginario. Sin dal suo primo film Brazil aveva dato prova di una creativita'e di una cultura vastissima in campo figurativo. Le sue sono state produzioni spesso tormentate (a partire dai problemi di budget quella de Le avventure del Barone di Münchausen fino al disastro del film su Don Chisciotte splendidamente raccontato nel documentario Lost in La Mancha) e anche in questo caso non sono mancati i problemi. La morte improvvisa di Heath Ledger ha portato a una revisione profonda della sceneggiatura che ha prodotto l'affidamento del suo personaggio anche a Johnny Depp, Colin Farrell e Jude Law che hanno devoluto il compenso alla figlia dell'attore.
Gilliam ha saputo fare, come si dice, di necessità virtù riuscendo a realizzare un omaggio davvero particolare all'attore scomparso. Perché questo suo film è un inno alla vita e all'immaginario che debbono poter vincere nonostante tutto e, spesso, anche nonostante i lati oscuri delle fantasie che ci pervadono. È un gioco di alto equilibrismo sulla corda tesa della fantasia quello a cui il regista ci propone di partecipare. Gilliam è da sempre Parnassus. Non sarà immortale ma la sua inesauribile voglia di immagini che (al contrario di quanto troppo spesso accade) non ottundano la fantasia ma la provochino ad aprirsi a nuovi orizzonti è rimasta intatta con il trascorrere degli anni e, grazie agli sviluppi della tecnologia, ha trovato nuovi materiali su cui esercitarsi. Il bambino che è in Terry è più vivace che mai, conosce la luce e il buio, la felicità e la paura e aspetta che passiamo a trovarlo. Vive sul carro del Dottor Parnassus.

Teatro Cumunale: "La zingara ester"

Martedì 8 dicembre, alle 20,30 

presso il Teatro Comunale di Benevento, 
“La Zingara Ester”
operina musicale per soprano, coro, pianoforte, orchestra e voci recitanti

composta, diretta e orchestrata da Lucio Caputo 
testi di Paola Caruso


Soprano Daniela Del Monaco
Cantante attore Francesco Grasso
Maestri preparatori:
Orchestra d'Archi Sirio, composta dagli allievi dei maestri Sergio Fanellidocente della Scuola Media ad Indirizzo Musicale F. Torre di Benevento e Alba Paradiso docente della Scuola Media ad Indirizzo Musicale di Foggia;
Sezione Flauti: Roberto Capozza docente della Scuola Media ad Indirizzo Musicale di San Marco dei Cavoti, Benevento;
Sezione Clarinetti: Antonio Arietano docente della Scuola Media ad Indirizzo Musicale Federico Torre di Benvento;
Sezione Pianoforte: Livia Grimaldi, docente della Scuola Media ad Indirizzo Musicale di Sant'Angelo a Cupolo "G. Siani" Benevento; Lucio Caputo, docente della Scuola Media ad Indirizzo Musicale di Ceppaloni/Pannarano, Benevento;
Maestri collaboratori: Vanni Miele Contrabbasso, Anna Romano viola, Mayli D'Ambrosio violino.
Sezione Percussioni: Giancarlo Sabbatini docente della Scuola Media ad Indirizzo Musicale G.B.B. Lucarelli di Benevento;
Direttore del Coro: Dina Camerlengo e Rosa Cozzi
Cantori del coro "Si Fa Musica" della Direzione Didattica di San Giorgio del Sannio Benevento e Coro Musicantando dell'Istituto Comprensivo di Calvi, Benevento; alunni degli Istituti Secondari di Benevento.
Testi a cura di Paola Caruso, docente di Latino & Greco presso l'istituto Liceo Classico "Giannone" di Benevento.
Allievi di Teatrostudio ragazzi preparati da: Paola Fetto, Emilia Tartaglia Polcini, della Solot Compagnia Stabile di Benevento;
Coreografie: Seriana Lepore direttore artistico di Sannio Ballet San Giorgio del Sannio, Benevento.


Lo spettacolo è presentato dall’Assessorato alla Cultura del Comune e dall’Ufficio Scolastico Provinciale.

8 dicembre 2009. 

Manifestazione contro la centrale di Ponte Valentino (BN)






AIL: Raccolta fondi con le stelle di natale a Benevento

Anche quest'anno i volontari dell'AIL di Benvento raccoglieranno i fondi per l'associazione nei punti abituali di vendita




.. Vieni a tovarci..

Cinema San Marco - Mercoledì Arci : Julie & Julia


Un film di Nora Ephron. Con Meryl Streep, Amy Adams, Stanley Tucci, Chris Messina, Linda Emond. continua» Commedia, Ratings: Kids+13, durata 123 min. - USA 2009. - Sony Pictures uscita venerdì 23 ottobre 2009 1949. 


Julia Child si è appena trasferita a Parigi per seguire il marito addetto culturale dell'ambasciata americana. Nella nuova città è ammaliata dalla cucina francese e per combattere la noia inizia un corso professionale per diventare cuoca. La passione la travolgerà, tanto da scrivere un libro che, dopo le tortuose vicende per pubblicarlo, diventerà la Bibbia per qualsiasi americano che voglia imparare a cucinare. Tutt'oggi la Child è una leggenda negli Stati Uniti. Nel 2002, Julie Powell si è appena trasferita nel Queens, sopra una pizzeria. All'università era tra le più promettenti ma la sua vita, alla soglia dei 30 anni, è in un limbo da quando ha rinunciato a completare il suo romanzo. Riuscirà a trovare un senso alla sua esistenza grazie al libro di Julia Child, aprirà un blog e racconterà la sua sfida: completare le 524 ricette della sua eroina in 365 giorni. 
Ha fortissimi toni femminili Julie & Julia. Nora Ephron lo ha tratto dal libro autobiografico della Powell, facendone un film che segue in parallelo le esistenze di due personaggi che, benché siano separati da 50 anni, hanno moltissimi punti di contatto. Ne esce fuori una commedia dai tempi comici perfetti, sostenuta da due interpretazioni sontuose: la Streep ormai non sorprende più, se non fosse per l'accento straordinariamente divertente, il francese incerto e una verve ironica che rappresenta la novità assoluta della stagione. Mentre Meryl ha un personaggio senza lati oscuri e forse fin troppo solare, alla Adams è affidata Julia Powell, una donna del nostro tempo, con tutti i dubbi, le paure e l'esigenza di esprimersi. Se la Street/Child è semplicemente innamorata del cibo e piano piano si immerge con la sua energia in questa nuova missione, la Adams/Powell cerca e trova nelle ricette di mezzo secolo prima il nutrimento adatto per il suo animo insoddisfatto. Il risultato finale è un piatto in cui non tutti gli ingredienti sono nella giusta proporzione ma dal sapore godibilissimo.

Digitale terrestre Campania: sintonizziamo il televisore

Calendario per Aree Switch off Campania

Dall'1 al 16 dicembre i ripetitori analogici saranno progressivamente convertiti in tecnica digitale secondo un calendario per aree. La transizione sara' seguita da una task force del dipartimento comunicazioni del ministero dello Sviluppo economico, che operera' direttamente sul territorio in collaborazione con la Regione Campania. A partire dal 16 dicembre la tv in Campania sara' dunque completamente digitale.


Il calendario dello switch offp per Aree:
1 e 2 dicembre: Napoli e provincia, Caserta e provincia;
3 e 4 dicembre: Salerno e parte della provincia;
9 e 10 dicembre : Avellino e provincia, Comuni della Valle dell'Irno (Salerno);
11 dicembre: Benevento e provincia;
14 dicembre: Comuni del Vallo di Diano (Salerno);
15 dicembre: Comuni del Cilento (Salerno).

ACFN: Mostre fotografica e Premiazione Trofei della fotografia


Sabato 28 novembre ore 18.00
presso Biblioteca Provinciale
CIRCOLO FOTOGRAFICO SANNITA
BENEVENTO
-------------------------

Inaugurazione mostre fotografiche
Silvia  Lelli
Matteo Gozzi

Seguiranno proiezioni
Cesare Combo
Tano D'Amico
Luca Gabino


ore 19,00
Sala Conferenze
PREMIAZIONE TROFEI DELLA FOTOGRAFIA

ore 20,00
PREMIAZIONE DEI VINCITORI
19° Concorso  nazionale
"Immagini del Sannio Rurale"

Mercoledì Arci: "Lebanon"

Un film di Samuel Maoz. Con Oshri Cohen, Michael Moshonov, Zohar Strauss, Reymond Amsalem, Itay Tiran. Yoav Donat, Dudua Tasas, Zohar Shtrauss, Dudu TassaDrammatico, durata 90 min. - Israele, Germania, Francia, Libano 2009. - Bim uscita venerdì 23 ottobre 2009. - VM 14
Libano, giugno 1982. Un carro armato carico di armi e quattro giovani soldati avanza solitario dentro un villaggio, bombardato e abbattuto dall'Aviazione Militare israeliana. Assi è un comandante che non ha mai comandato, Shmuel un artigliere che non ha mai colpito, Herzl un servente al pezzo che non ha mai caricato una bomba e Yigal un pilota di un carro corazzato che non conosce destinazione. Impressionabili ed inesperti piangono e resistono dentro il “Rinoceronte” sferragliante, contro una guerra che non hanno voluto e un nemico che non vogliono condannare. Smarrita la direzione, mancata la posizione e assediati dalla paura, tenteranno una fuga disperata verso un campo di girasoli e una terra “promessa” (a tutti). I soldati di Samuel Maoz non amano la guerra e sono lontani, molto lontani, dagli artificieri volontari e “in erezione” della Bigelow (The Hurt Locker). Impegnati sul fronte iracheno a disinnescare bombe e incapaci di tornare alla normalità, i soldati dipendenti della regista americana sono rimpiazzati, sullo schermo e al fronte, dai “corpi corazzati” e arruolati nelle Forze Armate israeliane durante la Prima Guerra del Libano di Maoz. Addestrato a vent'anni come artigliere, l'esordiente regista israeliano gira un film di guerra contro la guerra, riuscendo a mantenersi in equilibrio, a governare l'orizzonte del discorso e l'inferno della sua messa in scena, l'alto e il basso, la battaglia e l'annientamento umano. Claustrofobico e trincerato Lebanon guarda alla guerra attraverso il mirino-obiettivo di un artigliere che, idealmente prossimo al Piero di De Andrè e al tenente Ottolenghi di Lussu (e Rosi), rifiuta in lacrime e indisciplinato di uccidere e di uccidersi. Come gli idealismi, gli ufficiali nel film servono a “cacciare innanzi i soldati”, lasciati morire da una nazione assediata e in crisi nonostante la promessa che nessuno sarebbe stato abbandonato. La guerra “in un interno” raccontata da Maoz è quella della Storia, ancorata a una letteratura che l'ha definita, allestita, giustificata, compresa, perdonata o condannata, e allo stesso tempo quella del presente, ancora aperta e infinita, ancora chiusa nella sua logica di parte, immatura nelle riflessioni, relativa nella rappresentazione. Se la Prima Guerra del Libano appartiene all'altro secolo, i conflitti arabo-israeliani perseverano, eternamente in corso si allungano sulla nuova epoca, veicolati dalle immagini redacted dei servizi giornalistici. Contro le conseguenze mediatiche e i percorsi retorici creati dai media, si leva in alto l'immaginario cinematografico, interrogandosi e scavando nella componente umana di ogni guerra

Lerka Minerka: escursione Regio tratturo

Domenica 22 novembre


Escursione Regio Tratturo - Altilia

Progetto Scuole Aperte VII Circolo BN


App. ore 9,00 Parcheggio centro commerciale Buonvento

Mercoledì Arci: Motel Woodstoc


Un film di Ang Lee. Con Demetri Martin, Dan Fogler, Henry Goodman, Jonathan Groff, Eugene Levy. Jeffrey Dean Morgan, Imelda Staunton, Paul Dano, Kelli Garner, Mamie Gummer, Emile Hirsch, Liev Schreiber

Titolo originale Taking Woodstock. Commedia, durata 121 min. - USA 2009. - Bim.

Elliot Theichberg lavora come arredatore al Greenwich Village ed è impegnato sul fronte del riconoscimento dei diritti degli omosessuali. Ha però un grosso problema perchè i suoi genitori Jake e Sonia (due ebrei fuggiti dall'Europa dell'Est) stanno per perdere, a causa dei debiti, il decrepito motel che gestiscono a Catskill. Le soluzioni non sembrano a portata di mano fino a quando giunge la notizia che gli organizzatori di un'importante manifestazione musicale si sono visti ritirare l'autorizzazione dalla municipalità di Wallkill. Elliot telefona, offre il motel come base e presenta il vicino proprietario di un terreno di 600 acri. I ‘mitici' 3 giorni di Pace e Musica stanno per realizzarsi. Ci sono film d'occasione che tali sono e tali rimangono. Si sfrutta cioè l'opportunità di un anniversario per tuffarsi nella rievocazione nostalgica o illustrativa di un evento. Ricorrendo i quarant'anni da quando ebbe luogo l'epocale concerto di Woodstock si poteva pensare che un Ang Lee in surplace avesse accettato di fare un film quasi su commissione. Non è affatto così. Quasi fosse tornato alle sue origini conosciute in Occidente (ricordate Banchetto di nozze?) il regista coglie l'occasione per rileggere da un punto di vista inusuale l'epopea di Woodstock non rinunciando a uno sguardo critico, anche se sorridente, nei confronti dell'istituzione familiare. Woodstock ha rappresentato per lui gli ultimi momenti di innocenza di una civiltà che metteva piede sulla Luna ma stava affontando un futuro carico di incognite. Il raccontare il grande evento collettivo dal punto di vista di Elliot Tiber vuol dire scegliere lo sguardo di colui che ci vide un'opportunità personale ancor prima di rendersi conto del valore che quei tre giorni avrebbero finito con l'assumere per la cultura tout court. Tiber ha scritto con Tom Monte il libro "Taking Woodstock. A True Story of a Riot, A Concert and a Life" ed Ang Lee prende le mosse dalla sua testimonianza non per raccontare il concerto (lo ha già fatto con grande adesione Michael Wadleigh che aveva tra gli aiuti un ragazzo che si chiamava Martin Scorsese) ma per descrivere una società. Lo fa attraverso una moltitudine di personaggi e di figuranti ognuno dei quali finisce con il rappresentare una delle facce di quel prisma che erano gli Stati Uniti all'epoca. Si sorride e si ride (grazie anche alla superba caratterizzazione di Imelda Staunton nei panni della taccagna e iperattiva madre di Elliot). Ma soprattutto si percepiscono la vitalità e l'energia di un universo giovanile che, nonostante il Vietnam o forse anche grazie a quell'orrore insensato, sentiva ancora il bisogno di credere in un'utopia pacifista che sembrava però traducibile in realtà. Ang Lee non ha alcuna intenzione di proporre una lettura acritica dell'epoca. Ecco allora che al seguito dell'ideatore trasgressivo simile a un Jim Morrison in versione hippie ci sono le limousine nere da cui escono manager in giacca e cravatta. Come afferma Woody Allen si chiama Show Business perchè senza il business non c'è lo show. Alla fine resta però la sensazione di un sipario calato su uomini e donne forse ingenui ma sicuramente sinceri nelle loro aspirazioni. Una tipologia di esseri umani di cui, nonostante tutti gli eccessi loro attribuibili, il mondo ha sempre bisogno.

NTR24: Nasce una Web TV


“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”.
Sarà questa la stella polare del nostro cammino. Sì l'articolo 21 della Costituzione rappresenta ancora oggi un punto di riferimento assoluto. Valido più che mai. Non a caso fa riferimento oltre che alla parola ed allo scritto, anche ad ogni altro mezzo di diffusione.
Ntr24 è un altro mezzo di diffusione.La linea guida è la libera informazione.
La linea è di mettere nelle migliori condizioni di lavoro l'intera redazione, tenendola al riparo da condizionamenti di varia natura. Sappiamo bene che per raccontare una storia bisogna necessariamente avere un punto di vista.
Di volta in volta ci accompagneranno vari interessanti format per raggiungere vari target.
Una Web TV non è una televisione del '900 messa su Internet. Uno degli obiettivi è quello di poter dare un modesto contributo nella direzione di individuare possibili nuove forme e strumenti di comunicazione. Consapevoli delle difficoltà tecniche che questo comporta.
Saremo sempre 'Una voce per Mille Voci' e nel formidabile mondo di Internet proveremo a far emergere le idee. In questa agorà elettronica di nuovi linguaggi e tecnologie, cercheremo di non lasciare sole le persone che spesso non hanno possibilità di comunicare, di parlare, di esistere, perché quella umanità le ha confinate al di là del muro.
Noi faremo del nostro meglio.

ACFN: Immagini rurali del sannio

Sabato, 14 nvembre 2009 ore 18,30

presso l'istituto alberghiero LE STREGHE
sito in via S.Comoba, nei pressi dello stadio,

l' Associazone Culturale Fotografica Nazionale (ACFN)

presenta

IMMAGINI DEL SANNIO RURALE, calendario 2010
contenente le foto dei vincitori del 19° concorso fotografico nazionale
 "IMMAGINI DEL SANNIO RURALE".

Al termine della presentazione sarà offerto un buffet.

Mercoledì Arci: "Basta che funzioni"

Un film di Woody Allen. Con Ed Begley jr, Patricia Clarkson, Larry David,
Titolo originale Whatever Works. Commedia, durata 92 min. - USA, Francia 2009. - Medusa uscita venerdì 18 settembre 2009.


Boris Yelnikoff, un tempo fisico di fama mondiale ed ora uomo anziano che ha già fallito un tentato suicidio (in seguito al quale la moglie lo ha lasciato), è in lotta con il mondo. Non c'è nulla che consideri positivo e anche le lezioni di scacchi che impartisce a giovani allievi divengono un'occasione di scontro. Finché, un giorno, non incappa in Melody, una giovane miss di provincia che è fuggita nella Grande Mela e dorme in strada. Il burbero Boris cede alle sue richieste e acconsente ad ospitarla per una notte che si trasformerà in mesi sino a divenire un matrimonio. Ma non tutto potrà proseguire pacificamente perché Marietta, la frustrata madre di Melody, riesce a rintracciare la figlia. E non è per nulla contenta di quelle nozze.
Woody è tornato a Manhattan sospendendo il pur produttivo esilio europeo. Lo ha fatto ripescando una sceneggiatura pensata su misura per Zero Mostel e che quindi ha più di trenta anni, considerando che l'attore è morto nel 1977. Ovviamente è stata riveduta e corretta e non solo per adattarla alla personalità del comico Larry David protagonista della fortunata serie tv Larry David: Curb Your Enthusiasm. Perché vi si legge un Woody sempre più consapevole della propria età il quale (riaffrontando dopo ben 4 film le riflessioni sull'ebraismo, la psicoanalisi e la religione nonché i beneamati cantanti d'epoca) compie un ulteriore passo in avanti per quanto riguarda il proprio sguardo sul mondo. Anzi, è proprio dallo sguardo che gli viene restituito dallo spettatore, di cui Boris/Woody si dichiara perfettamente consapevole, che prende le mosse il film.
Mettendo da parte la falsa modestia che ha sempre fatto da velo tra lui e il suo essere un intellettuale a tutto campo, Allen ammette di essere un genio perché non ha una visione limitata della realtà. Lo fa in un film in cui la sceneggiatura è di una precisione millimetrica e nel quale, ancora una volta, le battute che vorresti mandare a memoria sono decine e decine. Ma sa anche inserire nei personaggi (ognuno dei quali porta con sé una parte, magari piccola, delle sue in/certezze) accenti di umanità su cui esercita una riflessione molto meno sarcastica che nel passato.
Intendiamoci: Woody non è diventato buonista e le dosi di cinismo che ci regala anche in questa occasione non sono certo poche. Però questa volta ogni personaggio è visto, anche quando descritto con ritrattini al vetriolo, nella sua debolezza e pertanto, in definitiva, compreso. Il che non significa giustificarne grettezze o chiusure ma prendere atto che né la teoria che vuole l'uomo originariamente buono e poi corrotto dalla società né il suo opposto sono valide in assoluto. L'uomo è un coacervo di pulsioni e sentimenti ma il Woody over 70, supera l'anedonia (cioè l'incapacità di provare piacere in generale) di un tempo per suggerirci, novello Lorenzo De' Medici, che non è solo la giovinezza che si fugge tuttavia, è la vita stessa. È allora fondamentale catturare tutto il bene che può venircene. Unico principio da rispettare: non nuocere agli altri. Unica regola valida: guardarsi dentro per capire cosa per noi è davvero importante. Senza falsi moralismi e, in qualche caso, credendo anche in un dio gay (e arredatore) per sperare in un aldilà su misura

ART'Ap: "La discarica di Sant'Arcangelo"

Sabato 7 novembre 2009, 11:30 - 14:30

ART'Ap - Aperitivi dell'Emporio

presenta

"La discarica di Sant'Arcangelo"

SLIDESHOW di Mario Taddeo


Caffetteria di Tandem21 c/o Libreria Masone Alisei

FAI E ARCHIVIO DI STATO:“la citta’ e i suoi fiumi”


Venerdì 30 ottobre 2009 FAI Fondo Ambiente Italiano, Delegazione di Benevento, e Archivio di Stato di Benevento presentano “La città e i suoi fiumi”, decimo appuntamento dell’iniziativa “Accendiamo una luce su…”, promossa dal FAI e tesa all’animazione e alla valorizzazione del centro storico e finalizzata ad “illuminare” i luoghi più nascosti e dimenticati della città. L’evento si svolgerà presso la sala “Cardinal Pacca” dell’Archivio di Stato in via G. de Vita, alle ore 17,30, e nell’occasione sarà presentato il volume “La città e i suoi fiumi. Il cammino delle acque beneventane nella storia di una comunità. Secc. XVII-XIX”, a cura di Rossella Del Prete. Interverranno: Valeria Taddeo, Direttrice Archivio di Stato di Benevento, Francesca Ocone, Capodelegazione Fai di Benevento, Giuseppe Vetrone, Archivista, Archivio di Stato di Benevento, Rossella Del Prete, Docente di Storia del lavoro, Università del Sannio. Le conclusioni saranno a cura di Gianluca Aceto, Assessore all’Ambiente della Provincia di Benevento. Il testo prende lo spunto dalla storia della produzione industriale sannita fatta di lana, olio, vino, cereali, tabacco, torba e calcare di cui restano gli spazi, gli edifici, le attrezzature e con loro le acque che assicuravano risorse idriche, energie idrauliche, fertili e abbondanti irrigazioni. Gualchiere, tintiere, balchiere e ancora mulini, frantoi, cave, miniere, essiccatoi e magazzini per la lavorazione del tabacco, pastifici: architetture spesso mortificate dall’abbandono e dall’ignoranza. Un patrimonio industriale strettamente legato al patrimonio naturale, come quello delle acque dei fiumi Sabato e Calore, al servizio della città di Benevento, allora come oggi. Ancora un’occasione, quindi, offerta dal FAI, che tende a sensibilizzare i cittadini e le istituzioni sui temi della tutela, della salvaguardia e della valorizzazione del patrimonio storico, artistico ed ambientale beneventano, nella convinzione che agevolare l’accesso consapevole al territorio ed alle sue risorse culturali, rivisitando l’offerta con proposte innovative, costituisca uno degli obiettivi prioritari non solo del FAI ma di tutti coloro che hanno a cuore le sorti del nostro patrimonio. L’iniziativa “Accendiamo una luce su…”, partita a gennaio con il convegno sul rilancio economico dei beni culturali e la mostra “Memoria muta” a Palazzo Paolo V, continuerà poi con altri eventi che si snoderanno nello scorcio dell’anno, con cadenza mensile, allo scopo di “riportare alla luce” e sotto la tutela della cittadinanza il patrimonio storico-artistico ed architettonico cosiddetto minore e sconosciuto e si realizza sotto l’egida del Consiglio di amministrazione nazionale del FAI e del Consiglio regionale della Campania del FAI, in partnership con il Comune di Benevento, Assessorato alla Cultura, e la Soprintendenza ai Beni archeologici di Caserta e Benevento, il patrocinio della Provincia di Benevento e dell’Archivio di Stato e la partecipazione di diversi Istituti scolastici della città.

Mercoledi Arci: "L'amore e basta"


Dalla Francia alla Spagna, dal sud al nord Italia, si alternano storie d'amore omosessuali, imbrigliate nei pregiudizi sociali, attaccate a una vitale idea di libertà. La galleria di persone intervistate da Stefano Consiglio rappresenta, volto dopo volto, la complessità sentimentale di relazioni che nascono e funzionano, trovano un equilibrio e si stabilizzano su un'idea dell'amore semplice e potente. Semplice perché, a sentire le loro parole, i rapporti di coppia sembrano facili da gestire, non covano rancori, non nascondono bugie; potente perché ciò che traspare è l'amore vissuto nella forma più genuina del termine. A domanda del regista, gli innamorati rispondono con naturalezza, ripercorrono le tappe della nascita del loro personale sentimento. Sorridono senza esitare, esprimono la dignità di chi ha raggiunto la pace di una famiglia non tradizionale ma ugualmente bilanciata e vitale. Riflettono su adozioni, tradimenti, sensi di colpa.



Il documentario indaga sul modo di vivere l'amore tra omosessuali ma è da subito chiaro che l'intento non è cercare differenze tra etero e gay, ma mettere l'accento sulle somiglianze. L'universalità dell'amore schiaccia le diversità e gli emarginati – o quelli che vengono considerati tali - diventano protagonisti di un'elegante inchiesta sul fidanzamento ‘a lungo termine'. In mezzo ai sentiti ricordi dei primi batticuore si inseriscono i pianti, i tremori e la rabbia per la sofferenza di non vedere garantito il diritto al matrimonio (almeno in Italia, ma Consiglio porta l'esempio di una coppia spagnola sposata) o i dubbi sull'adozione di un bambino che crescerà senza figura paterna. Anche la religione diventa una questione di fede personale. E gli omosessuali rivelano una spiritualità privata che crede nell'esistenza di un dio ma senza aderire all'integralismo di un dogma particolare: Dio ama e accoglie tutti, gli uomini sbagliano e creano stereotipi e discriminazioni. L'idea della famiglia tradizionale imposta dal cattolicesimo viene così sbancata dall'alternativa di coppie formate da due donne o due uomini insieme. Uno smacco all'ordine clericale e allo stesso tempo, un commovente inno all'amore che supera barriere e convenzioni sociali.


La struttura lineare del film, interrotta solamente dai piccoli intermezzi d'animazione di Ursula Ferrara, ingloba le dichiarazioni dei protagonisti in una lunga conversazione che rimane sul filo dei sentimenti, senza andare a fondo delle questioni politiche che li riguardano. All'inizio di questa sorta di ‘educazione sentimentale' a capitoli, Luca Zingaretti legge un piccolo racconto di Aldo Nove, sulla vergogna provata da un bambino che riflette sull'emarginazione degli omosessuali. Il tema del prologo unisce le vicende personali di ognuno, vittime di un modo di pensare retrogrado che non ha ancora smesso di puntare il dito sugli ‘altri'. Ma Consiglio ci dice una cosa precisa: quello che conta è innamorarsi, tra etero e omosessuali, senza fare distinzioni. E basta

Nonsololibri:Tango Criminale

Venerdì 23 ottobre ,
presso la Biblioteca Provinciale di Benevento al Corso Garibaldi,
verrà presentato il libro
"Tango criminale"
di Bruno Carapella,
edito da Guida.

FAI:Inno alla terra

Sabato 17 ottobre, ore 17.00.

Convento Chiesa di San Francesco alla Dogana.

"Inno alla Terra" Lettura del Cantico delle Creature.
(clicca sull'immagine per ingrandirla)
Il FAI -Fondo Ambiente Italiano invita tutti gli italiani a sostenere la campagna "La Terra di Francesco", dedicata al restauro di un luogo-simbolo come il Bosco di San Francesco ad Assisi, donato al FAI nel 2008 da Intesa Sanpaolo, ma che abbraccia idealmente tutto il paesaggio italiano. Un paesaggio sempre più in pericolo, per la mancanza di coscienza civile degli amministratori e per la colpevole distrazione dei cittadini. Un patrimonio immenso e irriproducibile che sempre più spesso e in modo sconsiderato viene consumato con conseguenze che peseranno sulle prossime generazioni. La riscossa del paesaggio parte da Assisi, un luogo legato al messaggio di armonia di san Francesco, la cui vita ha sintetizzato il più alto modello di convivenza tra Uomo e Natura. Infatti il Bosco di San Francesco, ora abbandonato e trascurato – sebbene intatto - è un magnifico "luogo qualunque", un ambiente dimenticato da far rivivere: 60 ettari di tipico paesaggio umbro, dominato dalla Basilica di San Francesco, ricco di colline, di radure, di uliveti, querce e lecci, alberi da frutto. Il recupero e la riqualificazione di questo straordinario ambiente italiano permetteranno gratuitamente ai milioni di visitatori e pellegrini di vivere un luogo la natura, la storia e lo spirito si fondono in una emozione unica. Durante la campagna "La Terra di Francesco", si terrà un grande evento nazionale a cura dei volontari del FAI: sabato 17 ottobre in oltre 70 città italiane – in Campania saranno 3 - si darà vita all’"Inno alla Terra", evento di raccolta fondi in piazza a sostegno del Bosco di San Francesco. Da ogni parte d’Italia si innalzerà simbolicamente un vero e proprio inno per la difesa del paesaggio italiano con la lettura in contemporanea del "Cantico delle Creature" e di altri brani francescani, con visite guidate gratuite ed eventi legati alla figura del Santo. In occasione dell’evento Inno alla Terra, i volontari del FAI raccoglieranno fondi offrendo al pubblico confezioni di tisane - malva, infuso due fiori, melissa - generosamente donate alla Fondazione da Aboca: verrà richiesto al pubblico un contributo a partire da 8 euro per una confezione, 10 euro per due confezioni e 15 euro per tre confezioni. La raccolta fondi continuerà nei prossimi mesi in occasione di iniziative promosse dal FAI e organizzate dalla Delegazioni locali. -

Biblioteca provinciale:I think tank. Le fabbriche delle idee in America e in Europa

venerdì 16 ottobre 2009  ora: 17.30 - 20.00

Biblioteca Provinciale di Benevento

Presentazione del libro
 
"I think tank. Le fabbriche delle idee in America e in Europa" (Il Mulino) di Mattia Diletti.





Il saggio di Mattia Diletti si occupa dei cosiddetti “think tank”, cioè dei “serbatoi di pensiero” sorti in America più di un secolo fa e divenuti noti al grande pubblico soprattutto durante il primo mandato di George W. Bush. Diletti traccia un panorama dei principali think tank di casa nostra, dove ormai non c’è leader politico che faccia a meno del suo pensatoio personale.

Samnium: Antigua Beneventana

Lunedì 12 ottobre 2009

Auditorium “Gianni Vergineo”



Museo del Sannio


Piazza Santa Sofia, Benevento


Lerka Minerka: Le Sorgenti del Calore

Domenica 11 ottobre 2009


Le Sorgenti del Calore


Varo della Spina-V.ne Scorzella-Barrizzulo-Varco Colla Finestra - Mass. Marinari - SS Montella -Acerno


Diff. E Tm 6/7h (comprese le soste)

Dislivello: da Varo della Spina a

Barrizzulo 500 m in salita; da Barrizzulo a SS M/A 450 m in discesa


Appuntamenti:

Bar Gavio San Giorgio del S. ore 7.45

Uscita Montella (Strada Ofantina) ore 9.00


programma:

http://www.lerkaminerka.com/forumsave/topic.asp?TOPIC_ID=627

lerka Minerka: le sorgenti del Calore

Domenica 11 ottobre 2009


Le Sorgenti del Calore


Varo della Spina-V.ne Scorzella-Barrizzulo-Varco Colla Finestra - Mass. Marinari - SS Montella -Acerno


Diff. E Tm 6/7h (comprese le soste)
Dislivello: da Varo della Spina a

Barrizzulo 500 m in salita; da Barrizzulo a SS M/A 450 m in discesa




Appuntamenti:


Bar Gavio San Giorgio del S. ore 7.45
Uscita Montella (Strada Ofantina) ore 9.00



Magazzini pescatore: LabileStabile - Pasquale Palmieri





LabileStabile



Mostra di Pasquale Palmieri

a cura di Mimmo Parente

Sabato 3 Ottobre 2009 - ore 18


Magazzini pescatore artecontemporanea via s. pasquale 36 benevento

Notte Europea dei ricercatori

Venerdì 25 settembre 2009
Rocca dei Rettori ore 16.00 - 24.00
NOTTE EUROPEA DEI RICERCATORI

La Notte dei RIcercatori è un evento anre programmato dalla Commissione Europea per divulgare al grande pubblico le attivià di ricerca svolte dalle Unirsità e dai Centri di Rcerca.
L’iniziativa punta sul contatto diretto tra ricercatori, cittadini e mondo delle istituzioni, per sottolineare come risultati dell’attività svolta dai ricercatori possano migliorare la qualità della vita quotidiana. In sintonia con le linee Guida della Comnsone Europea, la Notte europea dei ricercatori coinvolge e trattene il pubblico in un'atmosfera festosa più che severa e scolastica, facilitando un processo di familiarizzazione con il mondo sdentifico.
La manifestazione si svolge in contemporanea in tutti i paesi europei.

Aggiornamento sito

Cari lettori,
a breve riprenderanno gli aggiornamenti del blog con le notizie indispensabile per il dopo vacanza.

A presto.


Fred

FAI: "PRELUDIO ALLA NOTTE DELLE STELLE"

“PRELUDIO ALLA NOTTE DELLE STELLE:
OTTAVO EVENTO DEL PROGETTO “ACCENDIAMO UNA LUCE SU…”
BENEVENTO, PONTE VALENTINO, 10 AGOSTO 2009.



Si svolgerà lunedì 10 agosto 2009 l'ottavo evento dell’iniziativa “Accendiamo una luce su…”, promossa dal FAI Fondo Ambiente Italiano, Delegazione di Benevento, tesa all’animazione e alla valorizzazione del centro storico e finalizzata ad “illuminare” i luoghi più nascosti e dimenticati della città.

L’appuntamento, intitolato “Preludio alla Notte delle Stelle”, avrà inizio alle ore 20,00 a Ponte Valentino, degradato ed abbandonato a se stesso fino al crollo dell'aprile 2009, l'evento prevede una introduzione storica, un commento musicale con i maestri Michele Iuliano, violino e Silvano Fusco, violoncello e l'osservazione delle stelle in un'area di riconosciuto interesse naturalistico e di grande pregio dal punto di vista del paesaggio rurale.

Ancora un’occasione che tende a sensibilizzare i cittadini e le istituzioni sui temi della tutela, della salvaguardia e della valorizzazione del patrimonio storico, artistico ed ambientale beneventano, nella convinzione che agevolare l’accesso consapevole al territorio ed alle sue risorse culturali, rivisitando l’offerta con proposte innovative, costituisca uno degli obiettivi prioritari non solo del FAI ma di tutti coloro che hanno a cuore le sorti del nostro patrimonio.

L’iniziativa “Accendiamo una luce su…”, partita a gennaio con il convegno sul rilancio economico dei beni culturali e la mostra “Memoria muta”, proseguita poi con gli appuntamenti “Libri di pietra”, l’apertura straordinaria dell’area dell’Arco del Sacramento e della Chiesa di S. Sofia in occasione delle Giornate FAI di primavera (alle quali hanno partecipato oltre millecento visitatori), e il “Toro Apis”, i Mascheroni del teatro, La Notte delle Streghe e Planum Curiae; continuerà poi con altri eventi che si snoderanno nel corso dell’anno 2009, con cadenza mensile, allo scopo di “riportare alla luce” e sotto la tutela della cittadinanza il patrimonio storico-artistico ed architettonico cosiddetto minore: piccoli monumenti, epigrafi e pezzi di spoglio d’età romana, aree archeologiche da poco indagate, e si realizza sotto l’egida del Consiglio di amministrazione nazionale del FAI e del Consiglio regionale della Campania del FAI, in partnership con il Comune di Benevento, Assessorato alla Cultura, e la Soprintendenza ai Beni archeologici di Caserta e Benevento, il patrocinio della Provincia di Benevento e dell’Archivio di Stato e la partecipazione di diversi Istituti scolastici della città. Tra questi, è doveroso citare in questa occasione lL'IISS G. Alberti che ha prodotto il materiale documentale sul ponte romano partecipando alla campagna nazionale del FAI "SOS Paesaggio".

Art'Ap con Giovanni De Caro

Sabato, 8 agosto, Libreria Masone
Art'Ap con Giovanni De Caro, FotoNomade e
"L'emergenza rifiuti è risolta solo in TV"
(clicca sulla locandina per ingrandire)

FAI: Accendiamo una luce su - “ PLANUM CURIAE”:

Benevento, PIAZZA PIANO DI CORTE, 26 LUGLIO 2009.

SETTIMO EVENTO DEL PROGETTO “ACCENDIAMO UNA LUCE SU…”

"PLANUM CURIAE"

Si svolgerà domenica 26 luglio 2009 il settimo degli eventi dell’iniziativa “Accendiamo una luce su…”, promossa dal FAI Fondo Ambiente Italiano, Delegazione di Benevento, in partnership con il Comune di Benevento, Assessorato alla Cultura, tesa all’animazione e alla valorizzazione del centro storico e finalizzata ad “illuminare” i luoghi più nascosti e dimenticati della città
L’appuntamento, intitolato “Planum Curiae”, avrà inizio alle ore 21,00 a Piazza Piano di Corte (alle spalle del Palazzo Zamparelli, tra via G. Verdi e via S. Pantaleone), scorcio del centro storico fin troppo degradato ed abbandonato a se stesso, e prevede una installazione multimediale con proiezione del video “Planum Curiae” a cura di Addolorata Landi, che vuole creare una suggestione dell’antico e metterla in contrasto con l’approccio contemporaneo che si appropria e consuma in modo sconsiderato il patrimonio culturale comune. A seguire, la lettura di “Il Sacrum Palatium ai tempi di Arechi II” a cura Addolorata Landi, letta da Piergiulio Simone, un documento che descrive, anche attraverso la testimonianza di autorevoli fonti storiche, la magnificenza e l’imponenza delle residenze principesche di Arechi II, ed in particolare della reggia beneventana, abbondante di lusso e di ricchezze e nelle cui sale si affaccendavano, con lo sfarzo delle loro divise, tutti i dignitari che attendevano alle varie cariche pubbliche.
Ancora un’occasione, quindi, offerta dal FAI, che tende a sensibilizzare i cittadini e le istituzioni sui temi della tutela, della salvaguardia e della valorizzazione del patrimonio storico, artistico ed ambientale beneventano, nella convinzione che agevolare l’accesso consapevole al territorio ed alle sue risorse culturali, rivisitando l’offerta con proposte innovative, costituisca uno degli obiettivi prioritari non solo del FAI ma di tutti coloro che hanno a cuore le sorti del nostro patrimonio.
L'iniziativa continuerà poi con altri eventi che si snoderanno nel corso dell’anno, con cadenza mensile, allo scopo di “riportare alla luce” e sotto la tutela della cittadinanza il patrimonio storico-artistico ed architettonico cosiddetto minore: piccoli monumenti, epigrafi e pezzi di spoglio d’età romana, aree archeologiche da poco indagate, e si realizza sotto l’egida del Consiglio di amministrazione nazionale del FAI e del Consiglio regionale della Campania del FAI, in partnership, oltre che con il Comune di Benevento, con la Soprintendenza ai Beni archeologici di Caserta e Benevento, il patrocinio della Provincia di Benevento e dell’Archivio di Stato e la partecipazione di diversi Istituti scolastici della città.

L'Orchestra e il Coro del Teatro di San Carlo : “Benevento. Omaggio a Verdi”

Piazza Santa Sofia 25 luglio ORE 21.00
L'Orchestra e il Coro del Teatro di San Carlo
presenta
“Benevento. Omaggio a Verdi”

L'Orchestra e il Coro del Teatro di San Carlo saranno protagonisti, il prossimo 25 luglio, di “Benevento. Omaggio a Verdi”, concerto che ripercorre alcuni dei maggiori capolavori del compositore parmigiano, da “Va pensiero del Nabucco” – opera che ha consacrato al successo l'artista nel 1842 – alle innovazioni drammaturgiche e stilistiche presentate al pubblico napoletano nel 1849 con “Luisa Miller”, “Otello”, “Les Vêspres Siciliennes”, “Trovatore”.

BENEVENTO JAZZ & BLUES FESTIVAL 2009: BRIAN AUGER & Oblivion Express

Domenica 12 Luglio: ore 22.00
Concerto di BRIAN AUGER & Oblivion Express
Arena Arco del Sacramento (Triggio) - Ingresso libero


Uno dei primi in assoluto, agli inizi degli anni ’60, a fondere jazz, funk, soul, R&B, rock, e a farne, in uno stile personalissimo, una miscela musicale esplosiva, esprimendo il tutto attraverso il suono inconfondibile del suo Organo Hammond B3, di cui è considerato da sempre il miglior suonatore al mondo.

UNIVERSOLIVE FESTIVAL: Sancto Ianne

Domenica 12 luglio
Piazza Arechi II (ex piazza Vari) a Benevento, alle spalle del Museo del Sannio
Concerto di Sancto Janne


Gruppo sannita che fonda la propria musica su un profondo rapporto emotivo con la propria cultura e la propria tradizione, lasciandosi guidare dalla forte attrazione che la storia della propria terra esercita su ogni suo musicista. I Sancto Janne mettono in pubblico pulsioni rock e sapienza ancestrale trasmettendo molteplici sentimenti ed emozioni e creando un folk contemporaneo dalla straordinaria capacità di coinvolgimento. La loro musica diventa così partecipazione e riappropriazione di un mondo che non ci ha mai abbandonato nonostante i black out generazionali e le periodiche operazioni di rimozione della cultura popolare. L’ultimo lavoro della band di Gianni Principe ed Alfonso Coviello è “Mò Siente”.

Il concerto gratuito avrà inizio alle 22; Universo Live Festival è stato realizzato grazie ai contributi dell’Adisu di Benevento.

BENEVENTO JAZZ & BLUES FESTIVAL 2009: Luca Aquino

Sabato 11 Luglio: ore 22.30
Concerto Jazz di
LUCA AQUINO & Sex Rockin’ Band
Guest Star: NGUYÊN LÊ (chitarre)



Arena Arco del Sacramento (Triggio) - Ingresso libero

Colori Sonori: 'A67 - Lucariello - Ciccio Merolla

11 Luglio 2009 Ore 21.00
Corso Garibaldi zona S.Sofia Benevento
Concerto di

'A67 - Lucariello - Ciccio Merolla


Crossover-rock mediterraneo accolto da ottime critiche in Italia e all’estero: gli ‘A67 sono nati come risposta naturale e viscerale ad una condizione sociale difficile, testimoni del magma di pulsioni che caratterizza Scampia (rione della periferia nord di Napoli da cui provengono), meglio nota come “‘a sissantasette”, dalla legge “167” per l’edilizia popolare che ha permesso l’edificazione dell'allucinante agglomerato, supermercato della droga e teatro della faida fra bande camorriste. Di questa situazione di degrado e delle speranze di riscatto del quartiere parla il disco d’esordio “‘A CAMORRA SONG’IO”, concept-album (che nei suoni fa riferimento allo storico “Naples Power” e nei testi impiega la forza diretta del rap in dialetto napoletano) le cui canzoni sono scelte come colonna sonora per film, cortometraggi e servizi televisivi.

UNIVERSOLIVE FESTIVAL: Rione Iunno

Sabato 11 luglio
Piazza Arechi II (ex piazza Vari) a Benevento, alle spalle del Museo del Sannio
Concerto di Rione Iunno

Gruppo costituito da interpreti esperti nelle tecniche musicali derivanti dallo straordinario stile garganico. Monte Sant’Angelo è uno dei centri fondamentali legati alla magia del tamburello e della chitarra battente. Lontano dalle insidie del folklorismo deteriore ,ma inserito nell’ onda alternativa e contemporanea della musica etnica, Rione Junno costituisce uno dei massimi rappresentanti della nuova proposta musicale radicata nella tradizione ma rivolta al futuro. “Tarant beach project” è il nuovo lavoro discografico che nasce dalla consapevolezza che la musica delle radici e della tradizione, per continuare a trasmettere la sua naturale vitalità. Tante le collaborazioni presenti nel CD, con nomi illustri del panorama musicale italiano e non come Eugenio Bennato, Elio dei Bisca, oltre a Sha-One de “La Famiglia”.

Il concerto gratuito avrà inizio alle 22; Universo Live Festival è stato realizzato grazie ai contributi dell’Adisu di Benevento.

UNIVERSOLIVE FESTIVAL: Iovine

Venerdì 10 luglio
Piazza Arechi II (ex piazza Vari) a Benevento, alle spalle del Museo del Sannio

Concerto di Jovine

Il progetto nasce nel 1998 dalle mani di Valerio Jovine(autore, compositore e voce) in collaborazione col fratello Massimo. Nel suo curriculum collaborazioni importanti con 99 Posse, Caparezza, Modena City Rambles ed Intillimani. Jovine è considerato dalla critica specializzata, il nuovo fenomeno reggae italiano: la svolta nel 2007 quando esce l’album “Senza Limiti” e nel giro di pochi mesi brani come Da Sud a Sud, Ricordi, O’Reggae e Maradona, Senza Limiti, No Time, diventano nuovi classici per la Band napoletana. Come sempre in giro per l’Italia, arrivati a più di 300 concerti Jovine prepara un nuovo album, LIVE, che racchiude i migliori brani di ORA e SENZA LIMITI. Tocca poi al nuovo album “In viaggio” bissare il successo del precedente: Jovine ritorna dunque per un live esplosivo a Benevento da non perdere.

Il concerto gratuito avrà inizio alle 22; Universo Live Festival è stato realizzato grazie ai contributi dell’Adisu di Benevento.

CAI: Mainarde



CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Benevento


Martedì 5 luglio 2009

Mainarde: La Meta (m 1967) da Prati di Mezzo (m 1402)
Sentiero N1 del Parco Nazionale Abruzzo, Lazio e Molise


Difficoltà : T/E (percorso turistico/escursionistico)
Dislivello: 565m
Durata: 4 ore (escluse le soste)

Appuntamenti

ore 7.00 Appuntamento a Piazza Risorgimento e partenza con autobus (prenotazioni entro il 1 luglio) o auto proprie se non si raggiunge il numero minimo.
ore 9.30 Raduno a Prato di Mezzo ed inizio escursione.
ore 20.00 Orario presunto di ritorno a Benevento.

ATTENZIONE: PRENOTAZIONI PER AUTOBUS ENTRO MERCOLEDI’ 1 LUGLIO. SE NON SI RAGGIUNGE IL NUMERO MINIMO DI 20 PERSONE IL TRASFERIMENTO SARA’ EFFETTUATO CON AUTO PROPRIE.


Attrezzatura: scarpe da trekking, giacca impermeabile o mantellina antipioggia, cappello, colazione a sacco, borraccia con acqua abbondante, repellente per mosche ed insetti.


PER INFORMAZIONI E ADESIONI
Ciro (0824 312987 – 334 3437222)
Ennio (0824 310891 – 338 6051509)

Art'Ap: Foto di Marco Verdino e Alessandro Caporaso

Art'Ap del 4 luglio 2009
con l'opera fotografica di
Marco Verdino e Alessandro Caporaso
presso Libreria Masone
(Clicca sulla locandina per ingradirla)

Lerka Minerka: Parco Nazionale d'Abruzzo


Sabato 4 - Domenica 5 Luglio 2009

Escursione Geonaturalistica nel Parco Nazionale d'Abruzzo

Sabato 4 Luglio
Val Fondillo - Valico Passaggio dell'Orso - Tre Confini - Forca Resuni -
Val di Rose - Civitella Alfedena

Domenica 5 Luglio
M.te Marsicano

Partenza: venerdi 3 giugno (pomeriggio) - Bar Gavio San Giorgio del Sannio
-
pranzo a sacco,
cena addò capita,
pernottamento in tenda (campeggio)...

l'orario di partenza verrà definito dai vari partecipanti;

Equipaggiamento:
Tenda, Materassino, Sacco a Pelo, Abbigliamento da Montagna, Scarpe da
Trekking, ecc...

ultimi aggiornamenti e orari:
http://www.lerkaminerka.com/forumsave/topic.asp?TOPIC_ID=571

CAI:Parco Reg. del Matese



CLUB ALPINO ITALIANO
Sezione di Benevento

Martedì 28 giugno 2009

Parco Reg. del Matese:Monte Erbano (m 1380) da Civitella Licinio (m 365)

Intersezionale con il CAI di Salerno
Difficoltà : E+ (percorso escursionistico impegnativo)
Dislivello: 1000m
Durata: 6 ore (escluse le soste)

Appuntamenti

ore 8.15 Appuntamento a Piazza Risorgimento e partenza con auto proprie.
ore 9.00 Raduno a Cerreto Sannita in Piazza Sodo e trasferimento a Civitella Licinio (loc. S.Giuseppe) per inizio escursione.
ore 16.30 Orario presunto di termine dell’escursione.

Attrezzatura: scarpe da trekking, giacca impermeabile o mantellina antipioggia, cappello, colazione a sacco, borraccia.

PER INFORMAZIONI E ADESIONI
Domenico (0824 51309 – 340 7939511)