C.F.S.? (Cosa facciamo stasera): maggio 2009

FAI: I Mascheroni del teatro



Benevento, 30 MAGGIO 2009

QUINTO EVENTO DEL PROGETTO “ACCENDIAMO UNA LUCE SU…"

I MASCHERONI DEL TEATRO
.

Si svolgerà sabato 30 maggio 2009 il quinto degli eventi dell’iniziativa “Accendiamo una luce su…”, promossa dal FAI Fondo Ambiente Italiano, Delegazione di Benevento, tesa all’animazione e alla valorizzazione del centro storico e finalizzata ad “illuminare” i luoghi più nascosti e dimenticati della città.

L’appuntamento, dal titolo “I Mascheroni del Teatro”, avrà inizio alle ore 19,00 in Via Rampone (la prima a sx. dopo Palazzo Paolo V scendendo lungo C.so Garibaldi) e in Piazza Mazzini e prevede una suggestiva animazione dal titolo “Il mistero delle maschere magiche”, che ci riporterà indietro di qualche anno, al tempo in cui i mascheroni provenienti dal Teatro Romano ed incastonati nei muri delle case venivano considerati dai beneventani oggetto di venerazione, come se fossero statue di santi, o, peggio ancora, statue pagane, simboli del demonio, e suscitavano la curiosità di studiosi e gente del popolo.

Ancora un’occasione, quindi, offerta dal FAI, che tende a sensibilizzare i cittadini e le istituzioni sui temi della tutela, della salvaguardia e della valorizzazione del patrimonio storico, artistico ed ambientale beneventano, nella convinzione che agevolare l’accesso consapevole al territorio ed alle sue risorse culturali, rivisitando l’offerta con proposte innovative, costituisca uno degli obiettivi prioritari non solo del FAI ma di tutti coloro che hanno a cuore le sorti del nostro patrimonio.

L’iniziativa “Accendiamo una luce su…”, partita a gennaio con il convegno sul rilancio economico dei beni culturali e la mostra “Memoria muta”, proseguita poi con gli appuntamenti “Libri di pietra”, l’apertura straordinaria dell’area dell’Arco del Sacramento e della Chiesa di S. Sofia in occasione delle Giornate FAI di primavera (alle quali hanno partecipato oltre millecento visitatori), e il “Toro Apis”, continuerà poi con altri eventi che si snoderanno nel corso dell’anno 2009, con cadenza mensile, allo scopo di “riportare alla luce” e sotto la tutela della cittadinanza il patrimonio storico-artistico ed architettonico cosiddetto minore: piccoli monumenti, epigrafi e pezzi di spoglio d’età romana, aree archeologiche da poco indagate, e si realizza sotto l’egida del Consiglio di amministrazione nazionale del FAI e del Consiglio regionale della Campania del FAI, in partnership con il Comune di Benevento, Assessorato alla Cultura, e la Soprintendenza ai Beni archeologici di Caserta e Benevento, il patrocinio della Provincia di Benevento e dell’Archivio di Stato e la partecipazione di diversi Istituti scolastici della città.

Lerka Minerka:IL SENTIERO DEGLI ANARCHICI INTERNAZIONALISTI


IL SENTIERO DEGLI ANARCHICI INTERNAZIONALISTI 
“LA BANDA DEL MATESE”

NEL TERRITORIO APPENNINICO DEL MATESE

DA SAN LUPO A LETINO 
31 maggio 1 e 2 giugno 2009

Domenica 31 maggio - San Lupo – Fontana Loreto – Tre Confini
- Raduno nella piazza di San Lupo ore 8.30;
- Partenza da San Lupo ore 9.00;
- Pranzo a sacco;
- Arrivo in loc.Tre Confini (Strada Pietraroja-Morcone);

Lunedì 1° Giugno - “Miniere di Bauxite”– Lago Matese
- Partenza dal sentiero “Miniere di Bauxite” (strada Pietraroja-Bocca della Selva) ore 8.30;
- Pranzo a sacco;
- Arrivo in loc. Campo S. Maria – Lago Matese;

Martedì 2 Giugno…. Lago Matese – Letino
- Partenza dal Lago Matese ore 8.30;

FAI: Visita alla Baia di Ieranto

Partenza ore 7.00 da Piazza Risorgimento con pullman GranTurismo.

Appuntamento ore 10:00 - Partenza dalla piazzetta di Nerano – frazione del comune di Massalubrense.

La visita si svolgerà all’andata a piedi, raggiungendo la proprietà FAI – Baia di Ieranto con una passeggiata di 40 minuti su un sentiero da trekking (media difficoltà – in gran parte in piano ma con finale in discesa gradonata tra le rocce) da percorrere quindi con scarpe sportive. Il ritorno sarà effettuato via mare, con un traghettamento in barca (della durata di 15 min.), fino alla Marina del Cantone, dove è possibile la sosta per il bus (aree di parcheggio custodito).

Dalla proprietà FAI è possibile accedere alla spiaggia (si consiglia il costume da bagno).

Il percorso di visita non è adatto a persone con handicap di movimento.

Arrivati alla proprietà FAI il percorso di visita guidata impiega circa un’ora e mezza.

Sarà possibile visitare: la casa colonica col frantoio, ora Punto FAI; la Torre Isabella di Montalto, costruzione cinquecentesca per l’avvistamento delle navi corsare – su costone elevato, ingresso con scala a pioli a 4 metri d’altezza, (sconsigliata a chi ha problemi di vertigini).

Il percorso continua in discesa attraverso l’uliveto, raggiungendo infine l’area della ex cava Italsider, dove è possibile visitare tutti gli interni e le strutture del piccolo insediamento minerario atto all’estrazione del calcare, attivo fino agli anni ’50 ed ora completamente restaurato.

Il gruppo per tutto il tempo della visita sarà assistito da un accompagnatore FAI che illustrerà la storia del luogo dando informazioni sulla flora, la fauna e il lavoro di tutela e gestione del FAI a Ieranto e nelle altre proprietà in tutta Italia, nonché sulle iniziative e le attività della fondazione.

A conclusione del percorso di visita sarà servita la colazione (prevista esclusivamente per le delegazioni e gli ospiti FAI), in un area appositamente riservata sotto gli ulivi. In caso di avverse condizioni meteomarine il ritorno sarà effettuato a piedi.

Il costo della visita guidata per gruppi (a partire dalle 15 persone) è fissato in 8 euro a persona

Sarà assegnato un accompagnatore ogni 25 persone.

Il costo per la colazione (antipasto, spaghetti, dolce e bevande) è fissato a 20 Euro da corrispondere direttamente sul posto al custode di Ieranto, il signor Salvatore Iaccarino.

Il costo per il traghettamento verso Marina del Cantone è fissato a 4 Euro a persona da corrispondere direttamente alla Cooperativa S. Antonio all’arrivo a Marina del Cantone.

Il costo del viaggio in pullman è fissato a 10 Euro a persona. Il costo complessivo della gita è di 22€ a persona + 20€ per chi intende usufruire della colazione.

Per partecipare versare un acconto di 10€ sulla quota di partecipazione per le spese di viaggio più € 20 usufruire della colazione entro martedì 19 maggio a Enzo Ascione 340 7939511.

Il numero di posti disponibili per il CAI è 27 con precedenza per i soci in regola con il tesseramento.

Per raggiungere la zona dell’escursione:

Autostrada Napoli – Salerno, uscita Castellammare di Stabia, indicazioni per la Penisola Sorrentina,

Arrivati a Meta seguire segnalazioni per la statale Meta – Amalfi (seguire per circa 4 km), poi per Sant’Agata sui due Golfi, quindi Nerano Si segnalano difficoltà di parcheggio a Nerano.

Area di sosta per autobus a Marina del Cantone (strisce blu e parcheggio custodito).

Lerka Minerka: Trekking Cilentano.....

Sabato 23 Maggio 2009
Grava di Vesalo - Valle delle Orchidee

Domenica 24 Maggio 2009
Monte Cervati
Appuntamento sabato
Bar Gavio - San Giorgio del Sannio ore 7.30
Autogrill Salerno
Autostrada Sa-Rc ore 8,30

Per chi vuole venire solo domenica 24 si deve mettere in contatto con gli organizzatori per l'appuntamento

Mercoledì Arci: "Two Lovers"

Un film di James Gray. Con Gwyneth Paltrow, Joaquin Phoenix, Vinessa Shaw, Isabella Rossellini, Elias Koteas. Moni Moshonov, John Ortiz, Bob Ari, Julie Budd. Drammatico, durata 100 min. - USA 2008. - Bim

Brighton Beach, Brooklyn. Leonard, un uomo attraente quanto dal carattere complesso, torna alla casa che gli ha dato i natali dopo aver tentato il suicidio. Mentre si trova sotto lo stesso tetto degli accoglienti genitori, i quali lo aiutano con amore ma faticano a comprenderlo, Leonard conosce due donne in breve tempo. Una è Michelle, una vicina di casa tanto bella quanto misteriosa, la quale cela a sua volta problemi profondi.
Ma i genitori cercano di spingere Leonard ad avere una relazione con Sandra, la figlia dell'acquirente della tintoria di famiglia. Inizialmente sulla difensiva, Leonardo scopre in lei una profondità inattesa. Ma la possibile relazione con Sandra finisce per essere ostacolata da Michelle che gli chiede aiuto per risolvere una relazione negativa che la vede legata a un altro uomo. Ora così Michelle sembra essere attratta da Leonard il quale si trova tra due fuochi con il non improbabile rischio di riprecipitare in quello stato d'animo che lo aveva portato a tentare di togliersi la vita.
James Gray segna con Two Lovers un'importante svolta nella sua carriera. Abbandonati (temporaneamente?) i 'romanzi criminali' come Little Odessa, The Yards e I padroni della notte prende ispirazione da un racconto di Dostoevskij "Le notti bianche", per descrivere le dinamiche di un sentimento sempre più difficile da portare sullo schermo perché ormai letto e riletto apparentemente in tutti i modi. Riesce a farlo dimostrando grande sensibilità grazie a una sceneggiatura, scritta con Richard Menello, che analizza con aderenza al reale, le dinamiche amorose. Dopo tanti amori patinati il cinema americano torna a proporci un amore vero. Speriamo che ne arrivino altri.

La notte dei Musei a Benevento

La notte dei Musei a Benevento:
"Sabato 16 maggio quarta edizione de La Notte dei Musei a Benevento. In occasione della Notte dei Musei a Benevento, il Polo Museale della Tecnica e del lavoro in Agricoltura resterà apaerto fino all'una di notte. La notte dei Musei a Benevento è realizzata da Ideas Scarl, Associazione Culturale Loa, Associazione ArtiFrementi e Azienda vitivinicola Caputalbus, col Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dell’Assessorato alla Cultura della Provincia di Benevento."

Mercoledì Arci: "Divverso da chi?"

Un film di Umberto Carteni. Con Luca Argentero, Claudia Gerini, Filippo Nigro, Antonio Catania, Francesco Pannofino.Commedia, durata 102 min. - Italia 2008.
Piero è fidanzato da quattordici anni con Remo, col quale convive in una città del nord-est. Impegnato in politica e attivista gay, per un errore di calcolo dei suoi compagni di partito e un intervento della sorte, si ritrova candidato sindaco per il centrosinistra. Per la campagna elettorale, gli viene affiancata Adele, ultramoderata antidivorzista, incapace di parlare senza inserire la parola "famiglia" in ogni singola frase. L'inizio del rapporto di lavoro è disastroso ma, quando Remo suggerisce a Piero di smetterla di attaccarla e di cercare di ingraziarsela, le cose cambiano radicalmente e la frequentazione tra uomo e donna porta alla conoscenza che porta all'amore. Che ne sarà ora della sua immagine di simbolo gay? E come dirlo a Remo senza rischiare di farsi lasciare?
"This is a man's world" canta James Brown sui titoli di testa, mentre la canoa dei due protagonisti fila dritta sull'acqua liscia e la forza dell'amore gonfia i bicipiti e porta alla vittoria. "This is a man's world but it would be nothing without a woman to care": ed eccola la donna che viene a rimestare ed increspare le acque, a fare un po' di confusione, insomma, tra le certezze di Piero, che si credeva "stragay" ma non può non arrendersi al nuovo sentimento.
Adele, da buona "centrista sincera" ha meno problemi di lui ad ammetterlo, d'altronde le sue convinzioni le ha già rivoltate come un calzino. E così il bacchettone finisce quasi per apparire lui, che non ha il coraggio di dirsi diverso dai diversi, bisessuale. Il film di esordio di Umberto Carteni, Diverso da chi?? , scritto in tempi non politicamente sospetti da Fabio Bonifacci, fa del ribaltamento la figura retorica al centro della propria costruzione, assicurandosi un ritmo indiscutibile e una piacevole e salubre libertà ideologica.
Ad un set up alquanto spassoso, in cui primeggia la descrizione fuori di metafora dell'ambiente politico nostrano, verista e dunque tragicomica, in perfetta tradizione "all'italiana", segue il momento della farsa pura - nella più teatrale delle locations, il divano - e infine il turno dei sentimenti: la politica si perde un po' per strada, il privato reclama il suo spazio. La chiusura non è impeccabile ma non può dirsi timida né reazionaria, se mai un po' prevedibile, tanto per rimpinguare il numero dei paradossi.
Applausi alle coppie comiche Argentero-Gerini e Catania-Cederna e bravo Bonifacci, che, pur riportando il mondo gay all'interno del rassicurante quadro delle istituzioni, della famiglia e del focolare (Remo è un critico e un cuoco sopraffino, l'agnizione finale ha luogo in un asilo), dimostra di sapere bene che, dai tempi di Shakespeare passando per quelli di Cary Grant, non c'è ingrediente più affine alla commedia delle variazioni sul tema dell'identità sessuale. 

FAI: Gli uomini che hanno fatto la storia

Cari amici ed aderenti, in ecco il programma per il trekking urbano organizzato dal CAI e dal FAI per domenica 10 maggio 2009.


Clicca sll'immagine per ingrandirla

Lerka Minerka: M.te Volturino "Val d'Agri"


Domenica 10 Maggio 2009

M.te Volturino "Val d'Agri"

Appuntamenti:
Bar Gavio San Giorgio del S. ore 7.00;
Salerno - Fratte ore 8.00;
Marsicovetere ore 10,00


L' Escursionista non s'adda scordà: Scarpe da trekking adatte per camminare su sentieri rocciosi e nei boschi;
Vestirsi con indumenti comodi (a cipolla); Disporre di uno zaino da escursione;
Nello zaino bisogna avere a disposizione un maglione, una giacca a vento impermeabile, un copricapo,
guanti, pila tascabile, bicchiere di vetro, coltello, vino, acqua e colazione a sac.
Andare in montagna non è come andare a fare shopping, un'abbigliamento inadeguato,
una piede messo male su una pietra possono veramente determinare problemi per tutti.
Non sono i chilometri o i dislivelli i veri problemi, il problema principale è "come si affrontano le cose".
Non sempre una tipologia di difficoltà può essere universalmente applicata.
Dipende dal singolo, dalla sua esperienza, dalla sua forza, dal suo spirito di adattamento e lo spirito di autoconservazione...
(Pinuccio "Tankasi")
Ad ogni escursione va aggiunto il grado di difficoltà Lerka Minerka "DLM".

Mama's: Anymore - Tributo a Vasco Rossi

L'unica vera rock star made in Italy: stasera al Mama's il tributo a VASCO ROSSI degli Anymore. Al centro del Mama’s c’è la musica... Se vuoi prenotare il tuo tavolo, chiama il 3299439840. Ti aspettiamo!

Rete Arcobaleno: "Nuovi sistemi di uso dell'energie rinnovabili in edilizia"

Singea ed Archiplanet organizzano un incontro su: "Nuovi sistemi di uso dell'energie rinnovabili in edilizia".

Nell'ambito dell'incontro, si discuterà degli obblighi inerenti il risparmio energetico e delle opportunità derivanti dallo sfruttamento delle fonti rinnovabili. 

Saranno presentate tecniche e tecnologie utili alla costruzione di un involucro edilizio risparmioso ed intelligente.

E’ un’occasione per discutere senza rete, alla quale invitiamo tecnici ed utilizzatori

Venerdì 8 maggio, Molino Pacifico, Benevento, 16.30

Centro Culturale "Raffaele Calabrìa": Encantado Picasso

Centro Culturale "Raffaele Calabrìa"
Università Cattolica (Benevento)

Si terrà il 7 maggio prossimo alle ore 18 il terzo incontro dei

'Colloqui con l'arte' con il Prof. Maurizio Cimino.

Tema dell'incontro, dedicato a Picasso, 'Tra classicismo e surrealismo'.

Giannoniani: Vattimo - il pensiero debole pensiero dei deboli

giovedì 7 maggio 2009 Ora: 17.30 - 19.30

I Giannoniani presentano Vattimo:
Il pensiero debole pensiero dei deboli





Liceo Classico - Aula Palatucci (Piazza Risorgimento- benevento)
Telefono: 0824325212 E-mail: giannonianibn@email.it

Mercoledì Arci: FORTAPASC

Un film di Marco Risi. Con Libero de Rienzo, Valentina Lodovini, Michele Riondino, Massimiliano Gallo, Ernesto Mahieux. Drammatico, durata 108 min. - Italia 2008

Giancarlo Siani è un giovane praticante, impiegato “abusivo” per il Mattino col sogno di un contratto giornalistico e di un’inchiesta incriminante contro i boss camorristi e i politici collusi. Lucido e consapevole, Siani si muove tra Napoli e Torre Annunziata, un avamposto abbattuto dal terremoto e frequentato dagli scagnozzi armati di Valentino Gionta. Indaga, si informa, verifica i fatti e poi scrive pagine appassionate e impetuose sui clan camorristi e sulla filosofia camorristica. 
Era il 1985 quando Vasco Rossi cantava “ogni volta che viene giorno” e un giornalista di ventisei anni moriva assassinato per “ogni volta che era stato coerente”. Gli ingredienti per realizzare l’ennesima agiografia di una vittima (dimenticata) della camorra c’erano tutti. C’era la vicenda personale di Giancarlo Siani, c’erano gli Ottanta, quelli dei tangentisti e dei faccendieri, delle commesse e della corruzione, delle spese inutili e della burocrazia gonfiata, degli omicidi del generale Dalla Chiesa, c’era un Paese sordo alle idee di Siani che scriveva (e lavorava) per un’Italia migliore, c’era l’inevitabile sacrificio finale. Ma Marco Risi non ha realizzato un altro film sulla camorra, concentrandosi esclusivamente sulle tappe di avvicinamento di Siani prima a una consapevolezza di sé e della lotta politica, poi a una strategia letteraria e provocatoria. La camorra è in ogni gesto di chi si oppone a Siani, in ogni silenzio indifferente, nelle grottesche indagini dei carabinieri, nella “clemenza” della magistratura, nelle assurde pratiche rituali di “guappi” spietati e armati, che intendono porre la corruzione e la violenza come norma fondamentale di convivenza sociale. Risi, all’interno del medesimo spazio (Torre Annunziata), distingue due campi contrapposti, determinando il fronteggiarsi delle due parti: i villains che utilizzano la forza della pistola per ascendere l’empireo della carriera camorristica, l’eroe che avvia la sua opera di progressiva e inarrestabile bonifica dell’illegalità con la macchina da scrivere, puntando sul valore della persuasione. Sullo sfondo c’è Napoli e l’isteria collettiva che circondava nel 1985 Maradona, involontario capopopolo, occasione di riscatto, speranza di rivalsa calcistica e sociale, sul ricco Nord da parte del garzone del macellaio e di una città pronta ad osannare e a stritolare. Napoli come corpo corruttore e Napoli generatrice di “antidoti” capaci di riequilibrare moralmente l’ordine esistente. Napoli, ancora, sede del “Mattino”, che invia in un polveroso avamposto battuto dai fuorilegge un giornalista eroico, immagine della possibilità di progresso e fertilità contro l’aridità e l’improduttività dell’arroganza. Dopo il vuoto e la degradazione giovanile dei suoi ragazzi fuori, che hanno la Lazio come sommo ideale, che alimentano la loro forza con un linguaggio osceno, che scelgono la via dell’omologazione passiva e che hanno bisogno del branco per riconoscersi, il regista milanese si concentra su un ragazzo solare senza lati oscuri, isolato dai politici di palazzo in un non luogo sventrato e svuotato per essere riempito dall’eccitazione del business e poi affondato nei liquami chimici. Se il Maradona di Risi (Maradona – La mano de Dios) non ha mai smesso di cercare il suo pallone, Siani non ha mai smesso di cercare la verità e di morire per questo giovanissimo dentro la sua Citroën Mehari e sotto il cielo di Napoli. Risi coglie l’importanza della solitudine in cui viene abbandonato Siani e la spirale dentro cui viene fatto scivolare lentamente fino al massacro del settembre ’85. Con la linearità di un cinema che non ha tesi da dimostrare ma una bruciante urgenza di raccontare, Fortapàsc mette in piazza una classe politica che mira alla propria autoconservazione, una società incivile che chiede la legittimazione di essere incivile e un giornalismo (impiegatizio) che continua a ignorare le proprie responsabilità nel degrado sociale, etico, linguistico e culturale del Paese.

Mama's Live : "Remedy"

Venerdì 1 Maggio al MAMA's

I mitici REMEDY di Fabrizio Cusani propongono un viaggio nella musica latina, con un tocco di ska un pizzico di folk.



Al centro del Mama’s c’è la musica... In questa pagina trovi il programma dei concerti (INGRESSO GRATUITO).
Se vuoi prenotare il tuo tavolo, chiama il 3299439840. Ti aspettiamo